Qualche settimana fa accendendo la tv mi sono trovato a guardare il Palio di Siena, quello del 2 luglio in onore della Madonna di Provenzano che precede la carriera (come viene tradizionalmente chiamata la corsa) del 16 Agosto in onore della Madonna Assunta. Era la prima volta che lo seguivo dall’inizio, e devo dire di essere stato fortunato perché ho assistito ad una gara emozionante, vinta dal fantino che correva per la Contrada della Giraffa proprio al fotofinish, come nei film!

Le scene successive in cui venivano inquadrati i contradaioli (come mi è stato gentilmente spiegato dagli amici della pagina Facebook palio di siena, questo è il termine corretto da usare per indicare gli appartenenti ad una determinata contrada, che si discosta dal termine tifosi, perché non si tratta di tifo,  ma vera e propria appartenenza e fedeltà) della Giraffa in estasi, visibilmente emozionati, alcuni addirittura in lacrime, mi hanno fatto nascere alcune domande.

Questo sentimento cosi forte per il Palio di Siena è un fenomeno locale, dovuto alla radici territoriali dei suoi contradaioli e alla tradizione? O è cosi tanto seguito e sentito anche in altre parti d’Italia? E ancora, sono gli appartenenti della Contrada della Giraffa che sono particolarmente coinvolti con la manifestazione, magari perché non vincevano da anni il Palio, o l’attaccamento alle contrade e la loro notorietà è una cosa comune a tutte?

Per darmi risposte ho voluto indagare ancora una volta i dati degli utenti stessi, andando a spulciare quelli messi a disposizione da Google per cercare di costruire un quadro sulla diffusione territoriale del Palio di Siena e sulla popolarità delle singole contrade coinvolte.

Ps: se sei qui solo per il titolo dell’articolo, cioè sapere la contrada più ricercata, salta direttamente al penultimo paragrafo, ma rischi di perderti dei dati molto interessanti su tutto il Palio di Siena!

Palio di Siena: l’interesse degli utenti nel corso degli anni

Piccola premessa, prima di entrare nel dettaglio della diffusione nazionale del Palio di Siena è utile sapere che l’interesse mostrato dagli utenti per questa manifestazione, dal 2004 ad oggi, mostra un trend abbastanza costante (solo nel 2015 c’è stato un grosso scostamento) e concentrato a ridosso delle due date dell Palio, 2 Luglio e 16 Agosto.

Analizzando il dettaglio sugli ultimi 5 anni è più facile notare come l’interesse si concentri in queste due date, ed in particolare come la corsa di Agosto tendenzialmente vede un maggior numero di utenti coinvolti rispetto a quella di Luglio. Solamente nel 2018 si nota un’altra impennata nelle ricerche, a ridosso di Ottobre, in concomitanza con il Palio Straordinario che si è corso in occasione del primo centenario della fine della prima guerra mondiale.

 

trend interesse palio di siena
Trend delle ricerche sul Palio di Siena dal 2004

 

popolarità palio di siena ultimi 5 anni
Trend delle ricerche sul Palio di Siena degli ultimi 5 anni

Volendo cuoriosare ancora un po’ al’interno di questi dati, viene da chiedersi quali siano gli argomenti ricercati dagli utenti in questi picchi di interesse riguardanti  il Palio di Siena. Tramite l’ausilio di un noto tool che permette di analizzare le ricerche correlate ad un determinato termine, possiamo vedere che le ricerche più diffuse sono le seguenti:

Palio di siena interessi degli utenti
Ricerche effettuate dagli utenti relative al palio di siena

Popolarità del Palio di Siena: la diffusione per regione

Venendo poi ai dati ricavati da Google Trends sulle specifiche regioni in cui vengono ricercate il maggior numero di informazioni riguardanti il Palio di Siena, possiamo notare che a parte la scontata prima posizione occupata dalla Toscana, culla della provincia da cui il Palio trae il suo nome, le restanti posizioni sono occupate da località del centro Italia, più o meno limitrofe alla Toscana. Sorprende forse che la terza regione per interesse nei confronti del palio sia la Sardegna, in realtà il dato è dovuto probabilmente al fatto che questa regione dà storicamente significativo contributo alla corsa, basti pensare che 9 cavalli su 10 dell’ultimo palio erano nati ed allevati in Sardegna e 5 fantini erano di origine sarda.

nazioni-palio-siena-trend-regioni2
Regioni con più ricerche sul Palio di Siena

 

 

nazioni-palio-siena-trend-regioni2
Regioni con meno ricerche sul Palio di Siena

 

Il palio di siena: una passione tutta italiana?

Dopo aver analizzato l’interesse regionale per il Palio di Siena abbiamo voluto curiosare anche nel resto del mondo, per provare a capire se ci sono altri poli di interesse esterni al bel paese. I dati trovati mostrano che, a parte in Italia, l’unico volume di ricerche leggermente significativo si trova a Malta, seguita a lunga distanza dalla Svizzera, dove in rapporto all’Italia l’interesse è veramente minimo.

 

nazioni-palio-siena-trend2
Nazioni con più ricerche sul Palio di Siena
nazioni-palio-siena-trend
Nazioni con meno ricerche sul Palio di Siena

 

Qual è la contrada più ricercata del Palio di Siena?

Dopo aver esplorato l’interesse generale nei confronti del Palio di Siena in Italia e in tutto il mondo, possiamo ora concentrarci sull’essenza dell’evento stesso, ovvero le contrade che lo compongono.

Dai dati emerge che la contrada della Lupa è quella che viene più ricercata su Google, con un buon distacco sulla seconda, la contrada del Drago. In terza posizione troviamo poi la contrada della Chiocciola, con una media di 590 ricerche mensili.

Curiosamente la contrada della Giraffa, gran vincitrice dell’edizione di Luglio 2019 del Palio di Siena è solo nelle ultime posizioni, i dati sono infatti una medie annuale delle ricerche, e non tengono conto dell’impennata di visibilità che la vittoria della competizione gli avrà sicuramente portato.

 

ricerche contrade palio siena

Che conclusioni possiamo trarre dai dati analizzati sul Palio di Siena?

Dai dati emerge che il Palio di Siena è diffuso principalmente in toscana, ma non solo e quindi gli organizzatori che gestiscono il giro d’affari che ruota intorno all’evento analizzando questi dati potrebbero considerare che hanno dei bacini di utenza interessata anche in sardegna, o, guardando fuori dall’Italia, a Malta, organizzando pacchetti viaggio appositi potrebbero portarli ad assistere al Palio e visitare la città.

Un’altra indicazione che emerge per chi lavora a questo evento è quella che il momento di massima visibilità sui motori di ricerca si ha proprio a ridosso delle corse e quindi nel periodo da inizio Luglio a fine Agosto, per degli eventuali contenuti organici, ovvero pubblicazioni e articoli sarà necessario crearli per tempo in modo che siano già visibili in buona posizione nei motori di ricerca per questo periodo. Per eventuali campagne promozionali a pagamento, il periodo di fine Agosto potrebbe essere l’ideale per iniziare già a sponsorizzare la corsa dell’anno successivo.

Inoltre la popolarità del Palio di Siena è costante, cioò è un bene perché significa che non ha perso il suo fascino nel corso del tempo, ma anche che l’interesse intorno all’evento non riesce a crescere sopra una certa soglia, si potrebbero pensare iniziative territoriali e nazionali ed internazionali per superare questo scoglio?

Per quanto riguarda le contrade, emerge un grosso distacco fra l’interesse dimostrato per la contrada più ricercata, quella della Lupa, rispetto a quella meno ricercata, in realtà sono due, Onda e Leocorno a parimerito. Questo significa che le contrade meno in auge potrebbero curare maggiormente la loro immagine e la loro comunicazione, sfruttando canali come siti web e social network per far parlare di sè, mantenere il contatto con la propria fan base già esistente e attrarne nuovi simpatizzanti, accrescendo la loro popolarità.

Dopo questa abbuffata di dati sul Palio di Siena non ci resta che metterci comodi ed aspettare il 16 Agosto per assistere alla prossima “carriera” del Palio, e che vinca il migliore, in piazza ovviamente, non online!

Privacy Preference Center