Estate inoltrata. Per il mondo del pallone è tempo di calciomercato e di preparare la squadra al meglio per l’anno prossimo. È tempo di obiettivi e di campagne abbonamenti. È tempo di convincere i tifosi che la prossima sarà una stagione straordinaria.

Lo sanno tutti e lo sa bene l’Inter che, dopo il “Live Ahead” lanciato dalla Juventus qualche settimana fa (ne abbiamo parlato qui), risponde con il suo messaggio e la sua “chiamata” rivolta ai tifosi. 

Un video di un minuto, ritmato, potente e con un messaggio chiaro: “Not for everyone”.
Un spot che dal ritmo alle rime, alla carica vuole essere un “inno” per chi lo ascolta.

È un messaggio che, come spesso oggi succede, va oltre il calcio per ispirare le persone a condividere la propria visione.

In questo caso si parla della voglia di superare gli ostacoli e le difficoltà lungo il percorso, di non abbattersi mai e di affrontare tutto con coraggio e determinazione. Sembra un messaggio banale, ma che si sposa alla perfezione con il carattere della squadra nerazzurra di Milano e con la sua storia, una storia che i tifosi hanno vissuto e vivono ogni giorno sulla propria pelle.

E a proposito di storia, non è un caso che la campagna dell’Inter si leghi così fortemente al territorio in cui la squadra è nata, è cresciuta e vive tutt’ora. L’intero spot dell’Inter ha un’aria internazionale (con il suo nome e la sua proprietà non potrebbe essere altrimenti), ma allo stesso tempo il richiamo alla città di Milano è insistente, quasi a voler rimarcare un legame indissolubile con la città. Non certo una brutta scelta considerando anche un momento storico in cui il brand dell’altra squadra di Milano, il Milan, non se la passa benissimo.

Per dare più forza al suo messaggio e per portarlo anche fuori dal campo da gioco, l’Inter ha scelto dei testimonial non certo scontati, ma praticamente perfetti per adattarsi al concetto di “Not for everyone” e all’identità della società. Personaggi probabilmente sconosciuti ai più, ma con tanta determinazione da poter arrivare a risultati incredibili.

Non è da tutti diventare Campione del Mondo di Kite Surf a 17 anni come ha fatto il giovanissimo Airton Cozzolino. Non è da tutti diventare uno dei migliori pro gamer al mondo come Stermy a.k.a Alessandro Avallone (e qui l’occhiolino da parte dell’Inter al mondo degli eSport in rapidissima crescita è evidente). Così come non è da tutti partire da qualche tag sparso per Milano per poi diventare un artista di fama internazionale come il writer Omer. Ma soprattutto, non è da tutti utilizzare la propria visibilità da modella per portare avanti valori e campagne per i diritti umani come fa Jessica Kahawaty. 

Cinque testimonial interisti che con coraggio e determinazione ogni giorno riescono a fare qualcosa che “non è da tutti”, magari anche non esattamente proprio sotto i più grandi riflettori, ma senza mai fermarsi davanti alle difficoltà.
E il messaggio della campagna è tutto qui: essere interisti vuol dire anche questo.

Significa seguire la propria squadra fino alla fine (no, forse “Fino alla fine” è meglio di no). Significa vedere la propria squadra rialzarsi con coraggio e determinazione davanti alle difficoltà e fare qualcosa che “non è da tutti”. Significa vivere, grazie a lei, sempre grandi emozioni. Grandi emozioni nel bene e nel male, certo, perché è anche vero che, in fondo, l’Inter non è per tutti.