Gli stadi, lo sappiamo bene, non sono più un “semplice” luogo di fruizione di attività sportive, si passa quindi da qualche ora di sport a un’esperienza full-day, densa di intrattenimento. Qualche tempo fa abbiamo visto la presentazione del nuovo stadio del Tottenham, mentre ora è il turno di un colosso della storia del calcio.

Il nuovo stadio

Stiamo parlando del Santiago Bernabéu. La casa del Real Madrid non poteva non proseguire sul filone internazionale, ponendosi come un benchmark nel settore sportivo e dell’architettura.

Dalle parole di Florentino Pérez:

The new stadium will continue to be the setting that generates the emotions which will leave their mark on Real Madrid’s future. It’ll be the best stadium in the world in which to see us once again recognised at the end of the century as the best club of the 21st century. It’ll offer a new stadium, heritage and be a new source of pride for our members and fans”

Il progetto (GMP Arquitectos / L34 Ribas) si pone proprio l’obiettivo di diventare una guida, un modello, a livello internazionale. La struttura potrà soddisfare le richieste di sponsor e investitori. Una delle sue principali caratteristiche sarà il fatto di avere una facciata avvolgente composta da strisce d’acciaio ma anche da strisce che permettono di essere illuminate ed essere spazio per proiezioni.

Inoltre, l’arena sarà coprile interamente con l’uso combinato di tetti permanenti e retrattili, garantendo la copertura di tutte le aree di seduta: un’arena più moderna, sicura e confortevole, a cui si aggiunge un impressionante tabellone segnapunti a 360°.

Ma non solo: aree ricreative, ristoranti, intrattenimento e e-sport, per un’esperienza completa che, come detto, va oltre le ore effettive di gioco. Il tutto inserito in un contesto di trasformazione digitale, in cui i processi tecnologici e gli strumenti audiovisivi diventano disponibili in molte delle aree dello stadio.

Per esempio, i fan potranno godere dei contenuti generati dal club durante tutta la giornata su smartphone e tablet, come un secondo schermo da utilizzare durante la visita.

Il museo

Anche il museo beneficerà del cambiamento, in particolare nella zona del Paseo de Castallana. Sarà ampliato in termini di metratura e avrà una nuova sezione interattiva con realtà virtuale (area Padre Damian). Oltre a questo, anche il Tour Bernabéu sarà ampliato, con la possibilità di un tour panoramico lungo il bordo esterno dello stadio.

Le modifiche si ripercuoteranno anche all’esterno, con una grande piazza di 20.000 metri quadri sul Paseo de la Castellana e un’altra di 5.500 metri quadri all’angolo di Padre Damian, rendendo pedonale la calle Rafael Salgado.

Più sicurezza, più accessibilità, ma anche più spazio per evacuazione dei tifosi, con i numerosi punti di ingresso. Verrà demolito l’attuale centro commerciale per far posto a due torri complete di rampe, scale mobili e ascensori.

Area commerciale

Saranno aperti due nuovi Real Madrid store all’interno della struttura e saranno presenti numerose esperienze d’acquisto, come dei punti vendita digitali per prodotti elettronici e di consumo, trasformando le aree comuni in una vetrina per i prodotti che i brand vorranno proporre, sfruttando l’esposizione degli eventi allo stadio.