Prosegue la nostra analisi sulla ricerca Nielsen dedicata alla Generazione Z (qui il primo articolo). Se nella prima parte si sono analizzati i contenuti, in questo articolo parleremo di intrattenimentoesperienza.

La festivalization dello sport

Per ottenere l’attenzione della Generazione Z è necessario che i club e le federazioni concedano qualcosa di nuovo per i loro eventi sportivi.

Infatti, come insegnano esperienza extra sportive come Coachella, i giovani della Generazione Z vogliono un intrattenimento unico che valga il tempo e il denaro dedicato, che significa coinvolgere celebrità, il mondo della moda, della musica, del food e del videogame.

Quella che il report Nielsen definisce la “festivalization” dello sport, con l’aggiunta quindi di concerti, street food e shopping all’evento sportivo in sé, creando quella che è di fatto una “atmosfera da festival”.

Per questo molti stanno attrezzano le arene con nuove postazioni e punti di vista, più scelta per quello che riguarda cibo e bevande e, soprattutto, stanno investendo in connettività Wi-Fi e servizi dedicati ai dispositivi mobili, per rendere la condivisione dell’evento più facile per gli spettatori.

 

Tecnologia e sport

La ricerca riprende un intervento del Chairman della Juventus, Andrea Agnelli, al Leaders Sports Business Summit di Londra che descrive molto bene la situazione che si trovano ad affrontare in questo momento le società sportive:

“We now have to tackle what’s going to be a shift in consumer behavior. The digital natives are entering adulthood. Our competitor today is not necessarily other sports clubs or the next country. It’s League of Legends, esports or Fortnite. Those are our competitors going forward.”

Per questo molte società sportive hanno la necessita di integrare nella propria strategia gli esport e i giochi online nell’esperienza di intrattenimento complessiva dei propri fan.

 

Focus sull’Italia

Dai dati della ricerca emerge che il 73% dei ragazzi della generazione Z usano i social media durante la visione di un evento sportivo, soprattutto YouTube (82%), Instagram (80%) e Facebook (69%).

In particolare, i fan italiani hanno degli interessi molto forti per quello che riguarda i viaggi (l’81%) e almeno il 40% dei ragazzi è interessato ai cosiddetti motorsport.