Abbiamo già visto come gli allenamenti possano essere un nuovo spazio di espansione per l’attività di sponsorship, ma quello che i team NBA stanno facendo è interessante per più di un motivo: non solo sponsor ma anche interazione con la comunità locale.

Il caso dei Detroit Pistons

Ad esempio i Detroit Pistons hanno aperto l’Ottobre scorso l’Henry Ford Detroit Pistons Perfomance Center, a poche miglia dal nuovo campo da gioco (la Little Caesars Arena) inaugurato nel 2017. La nuova struttura, costata 90 milioni di dollari, ha infatti com obiettivo dichiarato il fatto di contribuire alla rinascita e alla rivitalizzazione della città di Detroit, vista la posizione centrale.

Questo infatti porta non solo la possibilità di avere nuove sponsorizzazioni (già il nome della struttura fa capire che c’è stato un forte investimento di uno sponsor particolare) ma anche di avere una struttura dove il basket giocato e l’organizzazione del business della squadra si possano incontrare, diventando la struttura di questo tipo più grande di tutta la NBA, comprensiva anche di un centro commerciale e di un bar. Inoltre la Henry Ford Health System ha costruito un nuovo centro medico proprio nei pressi della struttura, con un investimento di ulteriori 37 milioni di dollari.

Al suo interno, anche lo studio per il broadcast e il centro media dove il team di comunicazione interno, ma anche fornitori esterni, possono lavorare vicino ai giocatori.

Strutture di questo tipo diventano dei community hub che offrono numerose possibilità di sponsorizzazione, in particolare per brand da un respiro più locale, ma possono anche essere dei modi per interagire giorno per giorno con la comunità e portare ad un incremento di awareness e di vendite per i partner delle squadre.

Centro medico e struttura d’allenamento

Nel caso specifico di Detroit, ma anche di altre squadre NBA, unire la sede di allenamento con il centro medico è stato parte di un accordo con la Henry Ford. Infatti, molte di queste strutture non hanno necessità di avere una rilevanza nazionale (soprattutto in Paese come gli Stati Uniti) e quindi hanno più interesse nel partecipare alla vita della community legata alle strutture d’allenamento, piuttosto che investire sui media nazionali.

Squadre come i Phoenix Suns, i Los Angeles Clippers o i San Antonio Spurs si stanno muovendo in questa direzione, cioè investire su nuovi centri d’allenamento, anche con finanziamenti pubblici.