In questo periodo di lockdown ci siamo fermati anche noi, non ci sembrava il momento di parlare di marketing e sport, chiusi nelle nostre case e con tutte le attività sportive bloccate.

Ma non si sono fermati i calciatori, secondo una ricerca congiunta di Redtorch e 90/24 Media, che ha analizzato l’impatto della social media influence dei calciatori duratnte l’epidemia di COVID-19 e come si sono sviluppate le relazioni tra giocatori, brand e fan.

I principali insight della ricerca, che trovate nel video in fondo:

  • il 44% delle persone hanno passato più tempo sui social media;
  • si è registrato un incremento dell’utilizzo di Instagram durante il lockdown da parte degli under 35;
  • i calciatori hanno evidenziato il tasso di crescita più elevato rispetto al passato, al contrario di squadre, media, leghe e brand che hanno evidenziato una crescita più lenta;
  • i calciatori hanno l’engagement rate medio più alto su Instagram;
  • I calciatori hanno prodotto il 15% di video in più rispetto a prima del lockdown aumentando dell’82 le views.

Questi dati fanno pensare a quanto sia importante il ruolo dell’atleta nel mantenere il contatto con i fan. Ovviamente nel mondo del calcio è ancora più evidente, ma vale in linea di massima per ogni sport, in attesa di riaperture di campionati e di leghe.